Home > Economia > Sono i migliori tra noi > Stampa
Un Mondo Possibile

Un Mondo Possibile

Politica, Economia, Cultura e Democrazia Economica
Movimento per la Democrazia Economica
Sono i migliori tra noi

La rivolta contro Wall Street e la Finanza USA

di Chris Hedges, Truthdig | Op-Ed
Venerdì 30 Settembre 2011

Non ci sono scuse. O ti unisci alla rivolta in corso a Wall Street e nei distretti finanziari di altre città in tutto il paese o stai dalla parte sbagliata della storia. Od ostacoli nell'unica forma che ci rimane, la disobbedienza civile, il saccheggio da parte della classe criminale di Wall Street e la distruzione accelerata l'ecosistema che sostiene la specie umana, o diventi l'agente passivo di crescita di un male mostruoso. O gusti, tocchi o annusi l'ebbrezza di libertà e di rivolta o sprofondi nel miasma della disperazione e dell'apatia. O sei un ribelle o sei uno schiavo.

>> I poveri, i lavoratori e le donne sono ridotte alla disoccupazione e alla fame

Per essere dichiarato innocente in un paese dove lo stato di diritto non significa nulla, dove abbiamo subito un colpo di stato corporativo, dove i poveri, i lavoratori e le donne sono ridotte alla disoccupazione e alla fame, dove la guerra, la speculazione finanziaria e la sorveglianza interna sono gli uniche vere occupazioni dello Stato, dove anche l'habeas corpus non esiste più, dove tu cittadino, sei una merce per i sistemi aziendali di potere, usata e scartata, - devi essere complice di questo male profondo. Per restare ai margini e dire "Io sono innocente" si rischia di portare il marchio di Caino, non fare nulla per raggiungere e aiutare i deboli, gli oppressi e sofferenti, per salvare il pianeta. Essere innocente in tempi come questi è come essere un criminale. Chiedi a Tim DeChristopher.

>>Scegli. Ma scegli in fretta.

Scegli. Ma scegli in fretta. Le forze di stato e corporative sono determinate a schiacciare questa rivolta. Non aspettaranno voi. Sono terrorizzati che questa pacifica rivolta si diffonda. Hanno le loro lunghe falangi di polizia motorizzata, le file di autocarri color bianco riso, i soldati a piedi che vi danno la caccia per le strade con spray al peperoncino e reti di plastica arancione. Hanno le barricate di metallo piantate in ogni strada che conduce al distretto finanziario di New York, dove i mandarini vestiti alla Brooks Brothers usano i vostri soldi, i soldi che hanno rubato a voi, giocano e speculano e gozzovigliano mentre un bambino su quattro, fuori di tali barricate dipende, per la propria sopravvivenza dai buoni pasto. La speculazione nel 17 ° secolo era un crimine. Gli speculatori sono stati impiccati. Oggi governano il paese e i mercati finanziari. Diffondono menzogne che inquinano il nostro etere. Sanno, meglio di te, come la corruzione e i furti siano diventati dilaganti, come il 'sistema di gioco' sia contro di voi, in che modo le imprese multinazionali hanno cementato messo in piedi una piccola classe oligarchica e un'ossequiosa schiera di politici, giudici e giornalisti che vivono nella loro piccola Versailles, mentre 6 milioni di americani sono buttati fuori dalle loro case, un numero che salirà a 10 milioni, dove un milione di persone ogni anno falliscono perché non riescono a pagare le spese mediche e 45.000 muoiono per mancanza di cure adeguate, in cui la disoccupazione reale è salita di oltre il 20 per cento, dove i cittadini, compresi gli studenti, trascorrono la vita nel duro lavoro della schiavitù del debito, lavoro a tempo, quando c'è, un mondo privo di speranza, un mondo fatto di padroni e servi.

L'unica parola che queste aziende conoscono è 'sempre di più'. Hanno smantellato l'ultimo programma di servizio sociale finanziato dai contribuenti, dall'istruzione alla previdenza sociale, perché vogliono loro stessi quei soldi. Che muoia pure l'ammalato, che i poveri soffrano la fame. Che le famiglie siano gettate in strada, che i disoccupati marciscano. Che i i bambini dei centri urbani o terre desolate rurali, non imparino nulla e vivano nella miseria e nella paura. Che gli studenti finiscano la scuola senza lavoro e prospettive di lavoro. Lasciare che il sistema carcerario, il più grande del mondo industrializzato, si espanda daa inghiottire tutti i potenziali dissidenti. Che la tortura continui. Che gli insegnanti, polizia, vigili del fuoco, impiegati postali e assistenti sociali entrino nelle fila dei disoccupati. Che strade, ponti, dighe, argini, reti elettriche, linee ferroviarie, metropolitane, autobus, scuole e biblioteche si sbriciolino o chiudano. Che l'aumento delle temperature del pianeta, i cambiamenti climatici, gli uragani, la siccità, le inondazioni, i tornado, lo scioglimento dei ghiacci polari, i sistemi di acqua avvelenata, l'aumento di aria inquinata fino a quando la specie muore.

Chi diavolo se ne frega? Se le scorte di ExxonMobil o l'industria del carbone o di Goldman Sachs sono alte, la vita è buona. Profitto. Profitto. Profitto. Questo è ciò che canta dietro quelle barricate di metallo. Hanno i loro denti in profondità nel vostro collo. Se non li scrollate di dosso, molto, molto presto ti uccideranno. E uccideranno l'ecosistema, condannando i vostri figli ei vostri nipoti. Sono troppo stupidi e troppo ciechi per vedere che periranno con il resto di noi. Quindi, o ti alzi e li soppianti, o smantelli lo stato corporativo multinazionale, per un mondo sano, un mondo in cui non dobbiamo più inginocchiarsi all'idea assurda che le richieste dei mercati finanziari dobbano governare il comportamento umano, o siamo destinati all'auto-annientamento.

Quelli per le strade intorno a Wall Street sono l'incarnazione fisica della speranza.Sanno che la speranza ha un costo, che non è facile o comoda, che richiede sacrificio e disagio e, infine, la fede. Dormono sul calcestruzzo ogni notte. I loro vestiti sono sporchi. Hanno mangiato più pane e burro di arachidi di quanto avessero mai pensato possibile. Hanno assaggiato la paura, sono stati picchiati, sono andati in prigione, sono stati accecati da spray al peperoncino, hanno pianto, si sono abbracciati, hanno riso, cantato, parlato troppo a lungo in assemblee generali, hanno visto i loro canti salire in alto verso le torri di uffici sopra di loro, si sono chiesti se ne vale la pena, se qualcuno li ascoltasse, se vinceranno. Fino a quando rimarranno fermi nelle loro posizioni mostreranno la via d'uscita dal labirinto corporativo. Questo è ciò che significa essere vivi. Sono i migliori tra noi.

Clicca qui per accedere OCCUPARE INSIEME, un hub per tutti gli eventi che spuntano in tutto il paese, in solidarietà con Occupare Wall Street
www.occupytogether.org - www.occupywstreet.org

04-10-2011 Sono i migliori tra noi

le opinioni espresse in questi articoli rispecchiano solo il pensiero dei rispettivi autori
Articolo pubblicato sotto una Licenza Creative Commons
Software di: BNK Informatica S.a.s.