Un Mondo Possibile

Un Mondo Possibile

Politica, Economia, Cultura e Democrazia Economica
Movimento per la Democrazia Economica
ultime ricerche
ravi batra
neoumanesimo
politica energetica
... altre ricerche ...
Home > Economia
RSS Atom
Home
Eventi
Treviso
Massima Utilizzazione
Ecologia
Politica
Economia
Cucina non violenta
Cultura
Editoriali
Libri
Lettere
Approfondimenti
Gas MDE
Cambiamenti climatici
Mailing list
Link
Download
Contatti
Indice per titolo
Indice per data
Indice per autore

Eventi
<< Settembre 2017 >>
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
Economia
Commenti sull'economia
Globalizzazione, protezionismo, lotta di classe, cooperative
Globalizzazione, protezionismo, lotta di classe internazionale, democrazia economica e cooperative rappresentano quattro forme diverse di confrontarsi con le strategie economiche attuali. Le prime due derivano da visioni capitalistiche di manipolazione dei sistemi economici per cui nei periodi di espansione economica si preferisce la strada della massima diffusione delle risorse e dei prodotti finiti da un angolo all'altro del pianeta, mentre nei periodi di recessione economica i governi nazionali innalzano barriere protezionistiche per difendere la propria area di domanda e spesa economica nazionale.
2012-03-16 Massimo Capriuolo
Sono i migliori tra noi
Non ci sono scuse. O ti unisci alla rivolta in corso a Wall Street e nei distretti finanziari di altre città in tutto il paese o stai dalla parte sbagliata della storia. Od ostacoli nell'unica forma che ci rimane, la disobbedienza civile, il saccheggio da parte della classe criminale di Wall Street e la distruzione accelerata l'ecosistema che sostiene la specie umana, o diventi l'agente passivo di crescita di un male mostruoso. O gusti, tocchi o annusi l'ebbrezza di libertà e di rivolta o sprofondi nel miasma della disperazione e dell'apatia. O sei un ribelle o sei uno schiavo.
2011-10-04 Tarcisio Bonotto
Due Buone Azioni per l'Italia
Si sa le manovre economico-finanziarie aggiustano il tiro nel breve periodo, però il vero problema è la struttura non autosufficiente dell'economia italiana.
Si parla di crescita, ma 'crescita' è un termine generico, crescita di che cosa e per che cosa.
E' come il PIL non ci dice quanto stanno bene gli italiani. Meglio parlare di 'Potere di acquisto'.
Il reddito pro-capite in Italia è diminuito del 10% in germania è cresciuto del 6%, non ci sono dati sul potere di acquisto che potrebbe essere ancora più basso del -10%....
2011-08-15 Tarcisio Bonotto
Compro Debito
Non si sente che parlare di debito in europa e nel mondo.
"Si acquistano i debiti sovrani dei paesi in difficoltà perche sono più sicuri". Certo, ma sempre debiti sono e se il paese va in dafault?
2011-08-14 Tarcisio Bonotto
Autoritarismo contro Cogestione: il Caso FIAT-VOLKSWAGEN
Autoritarismo contro Cogestione: il Caso FIAT-VOLKSWAGEN
Speriamo sia l'ultima volta che, per cambiare l'assetto produttivo delle aziende in Italia, si ricorra all'autoritarismo e al ricatto, come nel caso FIAT.
Sono state snoccilate delle statistiche sulla produttività degli stabilimenti FIAT dislocati in giro per il mondo, che certamente sono da verificare:
* In Polonia facendo bene i conti 1 operaio/a produce 100 automobili all'anno
* In Brasile 1 operaio/a produce 75 automobili all'anno
* In Italia 1 operario/a produce ben 29 automobili all'anno... che sia vero?
2011-01-16 Tarcisio Bonotto
SPERIAMO CHE FIAT SE NE VADA
Tra pochi giorni ci sarà il referendum alla Mirafiori sulla proposta Marchionne. Questo appuntamento elettorale è senz'altro molto più importante delle prossime elezioni politiche perché si andrà a tastare il polso a quella classe operaia, parte di quella classe media, che più di tutti hanno subito la globalizzazione e la sua conseguente crisi economica planetaria.
La crisi? C'è ma non si vede...
La Cassa Integrazione, è un passaggio temporaneo per riprendere il lavoro. Quindi nonostante la disoccupazione c'è speranza di ritornare al lavoro.
La trasmissione TV dal titolo "Senza Fabbriche", invece fa vedere lo stato di crisi, nelle interviste a diversi proprietari di aziende metalmeccaniche del bolognese, per i quali le produzioni sono state tagliate dal 30 al 50%, senza remissione.
Passerà la crisi? "No, le attuali produzioni rimarrano così e ci dovremmo adattare."
Ciò significa che i cassa integrati probabilmente potranno con difficoltà trovar lavoro. Sono infatti circa 300 le aziende nel bolognese che hanno chiesto la sospensione dal lavoro per i loro lavoratori...
C'è poco da fare, dovremmo riprogrammare l'intero assetto socio-economico italiano.
2010-10-06 Tarcisio Bonotto
«Privati nelle aziende pubbliche? Meglio di no»
L'assessore agli enti e alle aziende del Comune di Verona, Enrico Toffali, è dell'idea di assegnare ai privati quote di attività pubbliche.
Il consigliere regionale e comunale Valdegamberi teme invece che "con l'ingresso di privati, che giustamente lavorano nell'ottica del profitto, c'è il rischio che investimenti in zone più deboli, poco appetibili, non se ne facciano più. E questo alla fine penalizzerebbe i cittadini»
2010-09-04 Tarcisio Bonotto
Ha ragione, non ha ragione, ha ragione, non ha ragione...
Ha ragione, non ha ragione, ha ragione, non ha ragione la FIAT, nel non voler reintegrare i tre lavoratori perchè si è interrotto il rapporto di fiducia?
Sarkar sottolinea: vi sono tre principi sociali cardinali che non dovrebbero mai essere contravvenuti, senza creare conflittualità sociale.
2010-08-23 Tarcisio Bonotto
PRIMA L'ECONOMIA
PRIMA L'ECONOMIA
Crediamo che l'Economia "venga prima", o magari in contemporanea ai diritti sociali. Ma di economia si deve parlare per correre ai ripari. Pare però che l'argomento sia un po' ostico e sovviene alla memoria l'approccio di Zapatero, che concentrò la sua azione sui diritti sociali e non su quelli economici contribuendo a non dare soluzione ad una crisi di vaste proporzioni per il proprio paese.
2010-08-16 Tarcisio Bonotto
CRISI GLOBALE... e intanto le aziende continuano a chiudere
CRISI GLOBALE... e intanto le aziende continuano a chiudere
www.campionenews.com 
Continuare a praticare il "Teorema Tremonti": <<salviamo le banche e gli interessi di Confindustria che salviamo l'intero sistema>>, è una follia suicida! Mentre il 70% della popolazione soffre, direttamente o indirettamente della grave depressione economica, il governo premia chi l'ha creata o chi continua a specularci sopra.
Dalla Polonia, una lettera ai lavoratori FIAT
Dalla Polonia, una lettera ai lavoratori FIAT
La FIAT gioca molto sporco coi lavoratori. Quando trasferirono la produzione qui in Polonia ci dissero che se avessimo lavorato durissimo e superato tutti i limiti di produzione avremmo mantenuto il nostro posto di lavoro e ne avrebbero creati degli altri. E a Tychy lo abbiamo fatto.
... Loro pensano che la gente non lotterà per paura di perdere il lavoro. Ma noi siamo davvero arrabbiati. Il terzo "Giorno di Protesta" dei lavoratori di Tychy in programma per il 17 giugno non sarà educato come l'anno scorso. Che cosa abbiamo ormai da perdere?
2010-06-19 Tarcisio Bonotto
LA VERITA SU POMIGLIANO
LA VERITA SU POMIGLIANO
Cosa si dice in questo accordo? Che il lavoratore non potrà più fermarsi durante il turno a mangiare con mezz'ora di mensa, ma la mensa viene portata a fine turno. Quindi un lavoratore entra alle 6 del mattino e fino all'una e mezza non può nemmeno fermarsi per mangiare. Il lavoratore che ha, per la pesantezza di questo lavoro, delle pause di 40 minuti in un'intera giornata, se le vedrà ridotte a 30 minuti.
2010-06-17 Maurizio Zipponi
IL DISASTRO DEL GOLFO DEL MESSICO
IL DISASTRO DEL GOLFO DEL MESSICO
La situazione e' tragica nel Golfo del Messico. Ormai si sono liberati in mare, dallo scoppio del pozzo, più di due petroliere  come la Exxon Valdez . E questo greggio e' alle coste. Le coste della Louisiana, dell'Alabama e delle isole adiacenti sono ormai devastate dalla marea di petrolio.
Forse qualcuno pensa alla chiazza di petrolio come a qualcosa di simile a quando cadono delle gocce di olio su una superficie di acqua: l'olio si spande fino a formare una sottilissima chiazza iridescente, che rimane in qualche modo coesa e limitata.
2010-06-14 Franco Bressanin
USCIRE DALLA CRISI AUMENTANDO I SALARI
USCIRE DALLA CRISI AUMENTANDO I SALARI
Noi lo diciamo da tempo: è necessario ed urgente passare ad una tassazione che liberalizzi i salari dalla pressione fiscale, attraverso una diminuzione progressiva delle imposte dirette. Come dimostra lo studio sull'argomento, http://www.democraziaeconomica.it/articolo/art0299.htm ci sono metodi ridistribuivi per far recuperare allo Stato le percentuali tagliate dai salari  caricando il peso fiscale sull'IVA. L'Imposta di Valore Aggiunto è una tassa spalmabile sui consumatori, quindi, potenzialmente su tutti. E' una tassa variabile adattabile alle necessità del mercato, si può mantenere bassa per i prodotti di prima necessità e aumentarla per gli altri prodotti e servizi. Usiamo l'innalzamento dell'IVA come misura antispeculazione aumentandola per le transizioni in borsa e le rendite finanziarie, avremo il doppio beneficio di maggiori entrate e di effetto calmierante del mercato azionario.
CHIUDIAMO LE BORSE MONDIALI
CHIUDIAMO LE BORSE MONDIALI
Da molte parti si dice che il Mercato Borsistico sia di natura speculativa. Ci aspetteremo di conseguenza che si facesse qualche cosa per rimediare allo snaturamento del finanziamento e capitalizzazione delle aziende, per cui la Borsa è nata.
Anche Confindustria chiede che i denari siano deviati dalla speculazione verso il finanziamento delle Aziende, soprattutto in questo momento di crisi economica internazionale, recessione e quasi depressioni economiche nazionali. Ma non succede nulla.
2010-05-10 Tarcisio Bonotto
Federalismo Fiscale NO! Pianificazione Decentrata SI!
Federalismo Fiscale NO! Pianificazione Decentrata SI!
Per affrontare la crisi economica in atto, è sicuramente necessaria una riforma fiscale. Ma la  proposta di Bossi di Federalismo Fiscale come riforma scaccia crisi è priva di fondamento. Il trasferimento di alcune competenze in ambito fiscale ed economico agli Enti Locali prevista nell'articolo 119 della Costituzione è sicuramente necessaria ma non risolverebbe i tre problemi fondamentali del Fisco Italiano: sperequazione fiscale, evasione ed elusione fiscale, eccessiva burocrazia. Anzi i mali della nostra finanza pubblica: clientelismo, corruzione, sperpero e burocrazia, rischiano di allargarsi se si incappa in cattive Amministrazioni e questo in Italia capita molto spesso sia al Nord che al Sud.
COME USCIRE DALLA CRISI ECONOMICA
Per uscire dalla crisi le soluzioni ci sono ma è prioritario che le riforme abbiano un unico obbiettivo: LA RIDISTRIBUZIONE DELLA RICCHEZZA!! Quest'obbiettivo è necessario per ricreare sia l'aumento del potere d'acquisto della maggioranza della popolazione, sia l'aumento della produzione. Qualsiasi riforma che non preveda questa impostazione continuerà a far precipitare l'Italia nel baratro della stagnazione economica.
Convertiamo le aziende in crisi in cooperative
La competizione e la concorrenza stanno diventando la nuova parola d'ordine e non solo nei confronti delle economie emergenti, ma anche all'interno dei contesti lavorativi e di vita nazionali.

Ciò che l'Italia ha oggi bisogno non è una legge che accentui la "competitività" tra i membri della società, bensì programmi a sostegno ed incentivazione alla "Cooperazione Economica".
2010-04-10 Massimo Capriuolo
La crisi economica, in Italia, propone una nuova prospettiva
Nella storia si procede attraverso salti evolutivi (evolutionary jumps) accompagnati da periodi di evoluzione graduale.
Se fino ad oggi l'Italia, come altri paesi, hanno beneficiato di una crescita continuativa ma sregolata, non organizzata, del sistema produzione-lavoro-consumi, non è detto che uno scossone allo stile di vita, come quello attuale, possa risultare sempre negativo.
Cerchiamo di leggere tra le righe dei cambiamenti in corso per scoprire eventuali nuove prospettive di ripresa.
2010-02-09 Tarcisio Bonotto
Posto fisso o variabile?
Tremonti si è espresso, come ormai di consueto nel suo approccio neo-alternativo sui principi economici, dopo l'economia sostenibile, la globalizzazione non fa per noi etc., sulla necessità di un posto di lavoro fisso per la maggiore stabilità sociale.
Le medesime ragioni di stabilità le potremmo trovare forse fra un po' di tempo, nell'idea che le cosiddette esternalizzazioni nelle aziende pubbliche portano a minore efficienza e maggiore spreco di risorse...
2009-10-20 Tarcisio Bonotto
Proposta di Riforma Economica Minimale
Beppe Grillo ha formulato per le "Primarie dei cittadini 2.0: Economia" alcune proposte di natura economico/finanziaria per un programma del Movimenti di cittadini, partito con l'iniziativa  "Comuni a 5 Stelle"
Il programma del Movimento per le regionali è in 7 punti: Energia, Salute,Trasporti, Economia, Informazione, Istruzione e Stato e Cittadini.
Qui ulteriori proposte su temi economici, per rompere il ghiaccio.
2009-10-01 Tarcisio Bonotto
Acqua ...Santa?
Acqua ...Santa?
www.acquabenecomune.org 
  Perché personaggi pubblici pagati per tutelare e rendere fiorente una comunità, sono finiti per alienare beni che non sono una loro esclusiva, permettendo che il nostro denaro non sia usato come reinvestimento nella suddetta e impedendo così un giovamento e uno sviluppo a tutti i membri di tale area?.
  Semplicemente perché l'acqua, la cui domanda è destinata ad aumentare sia per l'aumento della popolazione, sia per la crescita economica, è una risorsa la cui allocazione non è più determinata dai bisogni dei consumatori, ma dall'avidità privata.
2009-07-08 Daniela Capra
La prossima crisi bancaria viene dall'EST
La prossima crisi bancaria viene dall'EST
Stanno venendo a galla gli squilibri di una politica valutaria dissoluta, iniziata dalla Fed americana sotto l'amministrazione Greenspan. La crisi investirà sia imprese strozzate da mancata liquidità sia i mutui. E' il caso di dire, tutti copiano dagli americani... Parte di un articolo di Global Research*.
2009-02-19 Tarcisio Bonotto
Cina: Il Gigante si è Ammalato, Noi Pure.
Cina: Il Gigante si è Ammalato, Noi Pure.
blog.panorama.it 
La notizia, e da un canto ne siamo confortati, che la Cina sia in una grossa crisi produttiva per la caduta della domanda estera, confermerebbe la bontà della "vaga teoria", così definita da alcuni economisti, dello sviluppo locale.
Il motto "Chi va piano, va sano e va lontano", è ancora valido. La Produzione per il Consumo Locale, l'Autosufficienza Economica, la Socializzazione della Produzione ritornano i auge come paradigmi di un'economia più solida. Ma è un cambiamento culturale che la può realizzare.
2009-01-23 Tarcisio Bonotto
Notti Insonni causa Conti Correnti bancari
Notti Insonni causa Conti Correnti bancari
Sono in molti a ritenere che la crisi finanziaria non abbia ancora espresso tutto e scoperto tutti i suoi malevoli fumi e frutti, tossici per l'esistenza umana.
Intervistato, un economista italiano ha evidenziato come siamo solo all'inizio del 'Down Hill', della discesa nel settore economico.
2009-01-22 Tarcisio Bonotto
Nuova fregatura finanziaria nel giorno di Obama
Nuova fregatura finanziaria nel giorno di Obama
news.kataweb.it 
Quasi di nascosto e forse premeditata, il giorno dell'insediamento di Obama, si è aperta una nuova fase della crisi finanziaria, secondo gli analisti della Global Research.
2009-01-22 Tarcisio Bonotto
Scambi Globali ed Economie Locali
Una visione globale non è antitetica ad una organizzazione localizzata dell'economia.
2008-10-16 Albino Bordieri
La crisi economica e le soluzioni
La crisi economica e le soluzioni
L'economia è di tutti.

Partiamo da questo semplice principio: l'economia non deve essere fatta per il benessere di pochi e non deve essere gestita e interpretata dai super esperti, nuovi sacerdoti di una religione fasulla.

Tutti noi facciamo economia ogni giorno: comprando, vendendo, scambiando ciò che ci serve per vivere. Non lasciamoci impressionare da calcoli astrusi e termini tecnici. Se un sistema economico riduce la gente sul lastrico o crea la fame, questo sistema è sbagliato. E se è sbagliato dobbiamo toglierlo dalle mani di chi lo ha ridotto in questo stato pietoso. Il sistema economico è nostro e dobbiamo riprendercelo.
2008-10-14 Albino Bordieri
Salvataggio in extremis della finanza USA
Articolo dell'economista Ravi Batra.
Il piano da 700 miliardi di dollari è il più grande salvataggio di tutti i tempi. I banchieri usciranno sorridendo ma il pubblico dovrà pagarne il conto. Il salvataggio non risolverà nemmeno i problemi economici che scaturiscono dalla eccessiva deregulation sponsorizzata dalla Goldman Sachs e dallo stesso Hank Paulson. E' lui stesso oggi a soccorrere i suoi amici.
2008-10-13 Tarcisio Bonotto
l'Autocostruzione Associata
La finalità dell'autocostruzione è rendere possibile l'accesso ad una abitazione in proprietà a nuclei familiari, italiani e stranieri, che non potrebbero acquisirla sul mercato immobiliare a prezzi per loro accettabili, mettendoli anche i grado di rimborsare un mutuo bancario ancorché a condizioni favorevoli.
Nel corso degli anni il costo degli alloggi è infatti lievitato molto più in fretta dei redditi sia per l'affitto che per la proprietà, diventando un fattore determinante nei processi di esclusione o marginalità sociale.
Acqua e reti idriche private? No, Grazie
Acqua e reti idriche private? No, Grazie
www.acquabenecomune.org 
Il "Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua" ha lanciato una campagna nazionale contro la privatizzazione della gestione dell'acqua, delle reti idriche e del trattamento delle acque.
2007-05-07 Tarcisio Bonotto
Vittime della Globalizzazione: Una storia Bengalese
Vittime della Globalizzazione: Una storia Bengalese
Il Partito comunista al governo nel Bengala Ovest è nella bufera perché in un recentissimo rapporto della Polizia Federale Indiana (CBI) si afferma che 10 militanti del partito hanno partecipato alla sparatoria contro un gruppo di manifestanti contrari agli espropri delle loro terre.

Anche la FIAT coinvolta nelle violenze del governo comunista del Bengala Occidentale.
Tasse, Tasse, amate tasse...
Tasse, Tasse, amate tasse...
Calcolare il reddito minimo indispensabile ad un cittadino single o alla famiglia e in particolari condizioni geografiche, per far fronte alle proprie necessità vitali, anche nella nostra economia sembra una necessità improcrastinabile. Inoltre è necessario ampliare e modificare l'attuale assunto teorico che per minime necessità si intendano solo gli alimenti. Le scarpe, il vestiario, la scuola, la sanità non vengono considerati necessari ad una vita dignitosa, così definita anche dalla nostra Costituzione.
2006-09-05 Tarcisio Bonotto
L'ETICA DELLA COOPERAZIONE. COOPERIAMO?
L'ETICA DELLA COOPERAZIONE. COOPERIAMO?
Come costruire un modello di sviluppo incentrato sulla cooperazione.
Una classifica delle regioni italiane più cooperative.
2006-07-06 Massimo Capriuolo
Razionalizzazione del reddito e potere di acquisto
Razionalizzazione del reddito e potere di acquisto
thebbp 
Due anziani al bar dibattevano su un problema vitale: "Ma è mai possibile che, nel 21mo secolo, dobbiamo ancora arrabattarci a cercare dei lavori per sbarcare il lunario giorno per giorno?".
Una società avanzata dovrebbe poter garantire una capacità di acquisto reale per le necessità vitali e quindi un lavoro o una rendita per chi non può lavorare...
2006-06-12 Tarcisio Bonotto
Taglio della Spesa Pubblica: ma quali spese?
Taglio della Spesa Pubblica: ma quali spese?
Controllo della spesa nel settore pubblico? Si spende di più, da diversi anni. Soprattutto per l'esternalizzazione di molti servizi e lavori, per il mancato coordinamento dei lavori stessi, per lassismo morale, per problemi strutturali, soprattutto perchè non vi è la coscienza di lavorare per la società, che paga.
2006-06-05 Tarcisio Bonotto
Patrizi e plebei: una realtà sociale del nostro secolo
La nuova frontiera della globalizzazone mira a privatizzare tutti i possibili servizi presenti sul territorio (Strade, fognature, acqua, luce, gas, poste, ferrovie, scuole, sanità, e tutto ciò che si muove nel sociale)  e i singoli comuni, regioni, attuali gestori, non potranno che stare ad osservare senza poter intervenire nelle decisioni, devolute all'autorità europea.
2006-02-17 Tarcisio Bonotto
NO TAV: Investimenti su progetti improduttivi? No grazie.
NO TAV: Investimenti su progetti improduttivi? No grazie.
www.tav.it 
A che ci serve il TAV, per il trasporto merci veloce, quando il nostro export commerciale con l'estero è diminuito del 20% circa tra il 2004 e 2005? Qualcuno ha suggerito per avere scioperi dei trasporti più veloci...
2005-12-17 Tarcisio Bonotto
WTO: globalizzazione o cospirazione?
WTO: globalizzazione o cospirazione?
Uno dei 'principi' basilari del WTO, è descritto come 'vantaggio assoluto e vantaggio comparativo' per i paesi che decidono di scambiarsi le rispettive merci. In generale, secondo il WTO, il libero mercato dovrebbe portare automaticamente ad un arricchimento di tutti i paesi. Ma vediamone i contorni.
2005-08-17 Tarcisio Bonotto
Uscire dal WTO: Autosufficienza Economica vs Libero Mercato
Uscire dal WTO: Autosufficienza Economica vs Libero Mercato
I trattati WTO, accettati anche dal nostro paese, si estendono su circa 27.000 pagine di normative e leggi.
Sono stati redatti da circa 400 multinazionali e dal Dipartimento del Tesoro USA, non dai singoli paesi firmatari. La globalizzazione economica è la globalizzazione delle multinazionali, non dei popoli dei singoli paesi.
2005-07-08 Tarcisio Bonotto
Lotta alla povertà. Da Live8 al G8: ipocrisia o interessi?
Se analizziamo alcune delle ragioni della povertà in un contesto internazionale, si evince che, mentre si parla di alleviare tale condizione di prostrazione economica e sociale, le multinazionali istigano i medesimi paesi a "produrre per l'esportazione" e tengono ben stretto il controllo delle materie prime dei medesimi paesi: petrolio, minerali, preziosi, risorse agricole etc. L'autosuffcienza economica è la precondizione necessaria per debellare la povertà e già i paesi africani si stanno muovendo...
2005-07-08 Tarcisio Bonotto
CHI HA PAURA DEL PROTEZIONISMO ECONOMICO?
Il 10 giugno scorso a Shangai, mentre il ministro degli esteri cinese Bo Xilai consegnava al commissario europeo Peter Mandelson una T-shirt made in China, veniva annunciato un accordo commerciale: "La Cina auto limiterà le esportazioni di prodotti tessili verso l'Europa fino alla fine del 2008". Il comunicato continuava affermando che: ''L'accordo consente una crescita ragionevole delle esportazioni cinesi di tessile verso la Ue nel periodo 2005-2007 mentre da' tempo per aggiustare l'industria tessile dell'Unione Europea''. Tutti contenti di aver raggiunto un'acccordo che però non specifica come ed in quale maniera la Cina si limiterà nell'esportazione e quali misure di controllo verranno predisposte per verificare questa auto limitazione. Siamo alle solite basta un sorriso di circostanza, una battuta ed un'azione mediatica come la trovata della maglietta regalata al commissario Mandelson che i problemi occupazionali e produttivi di milioni di lavoratori e di migliaia di piccoli imprenditori europei sembrano dissolversi nel nulla.Che le istituzioni UE non rappresentino più le aspettative e le esigenze della popolazione comunitaria è un dato di fatto ma è ancor più grave che le stesse istituzioni non riescano a trovare soluzioni realisticamente possibili per salvare dal collasso sociale ed economico la "Vecchia Europa".
Dalla competitività alla Cooperazione coordinata
Dalla competitività alla Cooperazione coordinata
Dalla cultura della competitività nel Capitalismo alla cultura della cooperazione coordinata nella Teoria dell'Utilizzazione Progressiva.
Nell'ultimo quindicennio, l'Italia è stata attraversata da un rallentamento del processo di crescita economica, che sta coinvolgendo, oramai, ampia parte dei Paesi industrializzati e che è avvertito con particolare intensità nei Paesi dell'area dell'euro e del dollaro, con i quali l'economia italiana è maggiormente integrata, nonché in alcuni Paesi in via di sviluppo.
2005-05-15 Massimo Capriuolo
Chiudere il Mercato Borsistico e Investire in Economia Reale
Il mercato di borsa viene definito come mercato speculativo.
Alcuni movimenti e associazioni si sono prodigati, in questi anni, per porre un freno alla speculazione di Borsa, proponendo una tassa sulle transazioni finanziarie dello 0,7%. La legge che è stata redatta a favore di questa tassazione, qualche anno fa, è ancora ferma in parlamento.
2005-05-13 Tarcisio Bonotto
La via Neo-Socialista allo sviluppo
Il comunismo è morto, il capitalismo non ha prodotto di meglio.
Queste sembrano essere le conclusioni di un'epoca di tormentato sviluppo che ha visto aumentare la forbice tra ricchi e poveri, nella globalizzazione economica.
Il capitalismo nazionale si è trasferito a livello planetario e miete come prima le sue vittime, questa volta a livello globale.
2005-05-03 Tarcisio Bonotto
AUMENTARE LA PRODUTTIVITÀ NON È SUFFICIENTE
Aumentare la produttività in Italia non è sufficiente per la ripresa economica. Si propongono ricette come l'autosufficienza economica, l'aumento dei dazi doganali per i prodotti a concorrenza iniqua, la detassazione dei redditi più bassi
2004-11-11 Tarcisio Bonotto
INCREMENTO DEL PIL O DELLA CAPACITÀ D'ACQUISTO?
La teoria socio-economica PROUT suggerisce che l'incremento del reddito pro-capite non è un indice sufficientemente attendibile e scientifico per determinare lo standard ed il progresso di una particolare unità socioeconomica...
2004-11-11 P.R. Sarkar
COSA NON CI FARA' USCIRE DALLA CRISI ECONOMICA
Per uscire dalla crisi, si devono prima individuare le cose che, a livello socio economico, non vanno fatte. Una di queste è quella di non partire dal principio di "avere la botte piena e la moglie ubriaca" che in periodo di vacche magre è una cosa sconsiderata e palesemente iniqua per molti. Questa purtroppo è la posizione dell'attuale Governo e della coalizione che lo sostiene e in maniera diversa della Confindustria e di altre associazioni di grandi imprenditori.
PSICOECONOMIA E NUOVE DINAMICHE DI SFRUTTAMENTO
C'è una sorta di sottile linea di demarcazione tra il libero arbitrio e la manipolazione imposta; tra il libero mercato e il monopolio: il compito della psicoeconomia è quello di evidenziare quello che sta al di là e al di qua di quella linea.
PSICOECONOMIA: NUOVI ORIZZONTI DELLA SCIENZA
La psicoeconomia, anche se può sembrare una disciplina dal nome bizzarro, non è del tutto sconosciuta: lo sviluppo delle conoscenze della psicologia applicata nel campo della sociologia della comunicazione o nell'ambito della pubblicità sono campi di applicazione della psicoeconomia, dove motivazioni di ordine economico si intrecciano con espressioni della psiche umana.
INCENTIVARE IL POTERE D'ACQUISTO
L'interconnessione tra la domanda e l'offerta è determinata da una dipendenza inscindibile tra la produttività da una parte, salari ed occupazione dall'altra. Seppure si è unanimemente concordi nell'accettare che la piena occupazione o la tendenza alla piena occupazione sia un beneficio per l'economia, non tutti sono d'accordo nel considerare l'aumento salariale un benessere per il sistema economico. (Tratto dall'opuscolo "Verso la Democrazia Economica", D.N Faraoni ed. Istituto Prout)
DAZI FLESSIBILI ED INTELLIGENTI
...Chi in economia  parla di protezionismo è considerato blasfemo, guai a chi nomina tale parola, guai a chi mette in discussione il neoliberismo economico! In natura, difendersi o proteggersi sono atteggiamenti innati, sarebbe sicuramente meglio non arrivare a tali estremi, ma talvolta gli avvenimenti e le circostanze rendono necessarie queste misure. (segue)
LE BUGIE DEL P.I.L.
Il dire che la crescita del P.I.L. rispecchi una reale crescita economica non è vero. Pubblichiamo a seguito uno studio estratto dall'opuscolo "Verso la Democrazia Economica" di D.N. Faraoni ed.Istituto Prout; che mette in discussione questo dogma della teoria economica aprendo nuovi scenari sul fronte dello sviluppo economico.
PER UNA VERA RIFORMA DEL LAVORO
E' urgente la nascita di nuovi modelli organizzativi del lavoro cosiddetti olografici od allargati, che vedano la partecipazione decisionale dei lavoratori anche nelle scelte strategiche delle aziende, dopo, ovviamente, un'adeguata preparazione e formazione.
2004-06-11 Massimo Capriuolo
ALLARGAMENTO UE: UN DISASTRO ECONOMICO
In un periodo di disgregazione del tessuto socio-economico l'allargamento dell'Europa ad Est può sfociare in un disastro di vaste proporzioni. Ribaltare la filosofia fondante della globalizzazione economica.
2004-05-20 Tarcisio Bonotto
NUOVI MODELLI PRODUTTIVI
La contrattazione salariale, oggi una cosmesi, è comunque un fattore essenziale nell'equilibrare il mercato con le esigenze dei lavoratori, ma non è sufficiente, perché?
2004-05-01 Tarcisio Bonotto
AMARTYA SEN E P.R.SARKAR: economisti a confronto
Presentiamo in queste pagine uno studio comparato dei due grandi pensatori Indiani vissuti nello Stato del Bengala una delle zone più povere del continente asiatico. Il Dott. M. Capriuolo in queste pagine analizza alcuni aspetti legati al concetto di benessere e stato sociale.
2004-01-10 Massimo Capriuolo
VENDESI LAVORATORE A PREZZO TRATTABILE
Al supermarket della precarietà ovvero la legge 30 sul mercato del lavoro: vendesi lavoratore di 20 anni al miglior offerente, buono stato di salute, altissime difese immunitarie (non si ammala mai), buona formazione, non iscritto al sindacato.....
2003-09-26 Massimo Capriuolo
LAVORO MINORILE
Iqbal ripeteva spesso nei suoi interventi pubblici che: "nessun bambino dovrebbe impugnare mai uno strumento di lavoro. Gli unici strumenti di lavoro che dovrebbe tenere in mano sono penne e matite."
2003-08-13 Massimo Capriuolo
EMERGENZE: ACQUA E NECESSITA' PRIMARIE
EMERGENZE: ACQUA E NECESSITA' PRIMARIE
L'acqua non è un bene economico: è una risorsa primaria che soddisfa una necessità minima di importanza vitale, non solo per l'essere umano, bensì anche per ogni organismo vivente, sia animato (cioè dotato di un suo codice genetico) che inanimato.
2003-06-15 Massimo Capriuolo
La FIAT? in mano ai Lavoratori!
Ipotesi di nazionalizzazione della FIAT, salvataggio governativo o passaggio a GM a prezzi stracciati?
Vi sono altre alternative possibili, viste altre esperienze internazionali di gestione.
2002-10-29 Tarcisio Bonotto
GLI EFFETTI DELLE POLITICHE WTO SULLA RISICOLTURA
Le politiche del WTO provocheranno nei prosssimi anni forti tagli alla produzione di riso in Italia. Come difendersi, le proposte del Prout.
2002-10-09 Tarcisio Bonotto
CAROVITA: INFLAZIONE REALE O VIRTUALE?
Le associazioni dei consumatori hanno accusato l'ISTAT di dare i dati sull'inflazione non corrispondenti all'aumento reale dei prezzi. La soluzione: diversificare il paniere.
CRISI GLOBALE: ORMAI E' DEPRESSIONE!
La forte crisi economica fa resuscitare in molti l'incubo della Grande Depressione del '29. Governi ed istituzioni internazionali corrono ai ripari ma la risposta è debole ed inadeguata.
Fermare gli accordi GATS!
Possiamo fermare gli accordi GATS? Possiamo prevenire l'erosione delle attuali normative rispetto a quelle proposte? Il PROUT propone nuove strategie per neutralizzare i pericoli della globalizzazione
2002-10-04 Tarcisio Bonotto
Nuovi accordi GATS in materia di servizi
I nuovi accordi GATS per stringere la morsa nel campo dei servizi produrranno conseguenze disastrose per tutti i Paesi aderenti al WTO, ecco perchè.
2002-10-04 Ralph Nader
IL VERTICE FAO SULL'ALIMENTAZIONE
Nel 1996 i rappresentanti di 185 paesi firmarono la Dichiarazione sulla Sicurezza Alimentare e s'impegnarono a cooperare per estinguere le cause della fame e della povertà nel mondo ...
2002: se scoppia il debito!
Un uragano incombe sull'economia globalizzata: è il peso del debito creato con un artificio finanziario: "la domanda artificiale".
ARGENTINA: IL TEOREMA CIPOLLETTA.
Tra le molte opinioni espresse sulla crisi Argentina quella più curiosa e grottesca (visto che ci avviciniamo al carnevale) è quella dell'ex vice presidente di Confindustria Innocenzo Cipolletta...
Iscriviti alla Mailing List


annunci pubblicitari





Edicola.org