Un Mondo Possibile

Un Mondo Possibile

Politica, Economia, Cultura e Democrazia Economica
Movimento per la Democrazia Economica
ultime ricerche
neoumanesimo
un mondo possibile
capitalismo e comu...
... altre ricerche ...
Home > Economia > PRIMA L'ECONOMIA
RSS Atom stampa
Home
Eventi
Treviso
Massima Utilizzazione
Ecologia
Politica
Economia
Cucina non violenta
Cultura
Editoriali
Libri
Lettere
Approfondimenti
Gas MDE
Cambiamenti climatici
Mailing list
Link
Download
Contatti
Indice per titolo
Indice per data
Indice per autore

Eventi
<< Maggio 2017 >>
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031 
www.LucaZaia.it

PRIMA L'ECONOMIA
I diritti economici prima di quelli sociali

"Prima i Veneti", Zaia propone di cambiare lo statuto del Veneto su questa linea guida.

Se dal punto di vista sociale lo slogan potrebbe suonare bene all'orecchio dei cittadini locali, tuttavia potrebbe non essere sufficiente per portare la Regione Veneto ad intraprendere la strada dello sviluppo, a diminuire l'effetto della crisi economica in atto, e dare lavoro a tutti. Quanti suicidi a seguito di licenziamenti e mancanza di lavoro in Veneto? Parecchi.

Crediamo che l'Economia "venga prima", o magari in contemporanea ai diritti sociali. Ma di economia si deve parlare per correre ai ripari. Pare però che l'argomento sia un po' ostico e sovviene alla memoria l'approccio di Zapatero, che concentrò la sua azione sui diritti sociali e non su quelli economici contribuendo a non dare soluzione ad una crisi di vaste proporzioni per il proprio paese.

Viviamo in democrazia, ma una democrazia che sembra azzoppata, perché essa è solo di natura politica (parlamento e istituzioni democratiche), ma non vi è democrazia nel campo economico. E questo genera numerosi problemi. Solo recentemente è stata proposta la "Partecipazione dei lavoratori all'azienda" che potrebbe portare nuova linfa nei rapporti sociali ma soprattutto nuova responsabilità nel campo economico.

Inoltre ogni prodotto essenziale importato toglie lavoro ai cittadini veneti. La Indesit, Tiberghien etc. vanno a produrre all'estero? Bene non dovremmo importare i loro prodotti, per salvaguardare l'occupazione locale.
• Le quote produttive (latte, grano duro, olive, agrumi...) imposte dalla UE hanno sradicato la produzione locale. Dovremmo invece poter produrre tutto ciò che è necessario per la sussistenza della popolazione e l'occupazione, il surplus eventuale immetterlo sul mercato comune, non il contrario.
• Il modello produttivo del singolo imprenditore per aziende di certa caratura è fallito, e la globalizzazione ha eroso il tessuto produttivo locale. Che vogliamo fare?
Perché non concentrarci anche sull'idea "Prima l'Economia veneta"? Autosufficiente in modo tale da soddisfare tutti i bisogni materiali della popolazione, attraverso uno sviluppo decentrato, la partecipazione dei lavoratori all'aziende (gestione e proprietà).

Nessuna importazione di prodotti e beni che possiamo produrre in loco.

Il latte lo vogliamo locale, non importato. L'olio lo vogliamo locale non importato e così altri prodotti essenziali.
Quello della globalizzazione è stato lo slogan delle aziende forti, quello della Autosufficienza Locale lo slogan delle popolazioni.
Prima l'economia locale, lavoro per tutti, per salvarci dalla crisi.

Tarcisio Bonotto
Istituto di Ricerca Prout
Verona

16-08-2010 Tarcisio Bonotto

Iscriviti alla Mailing List


annunci pubblicitari





Edicola.org