Un Mondo Possibile

Un Mondo Possibile

Politica, Economia, Cultura e Democrazia Economica
Movimento per la Democrazia Economica
ultime ricerche
solidarieta etimol...
maestro meneghello
politica energetica
... altre ricerche ...
Home > Lettere > BOSSI LA LEGA IL FEDERALISMO E LO SFASCIO ITALIA
RSS Atom stampa
Home
Eventi
Treviso
Massima Utilizzazione
Ecologia
Politica
Economia
Cucina non violenta
Cultura
Editoriali
Libri
Lettere
Approfondimenti
Gas MDE
Cambiamenti climatici
Mailing list
Link
Download
Contatti
Indice per titolo
Indice per data
Indice per autore

Eventi
<< Gennaio 2017 >>
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031 
BOSSI LA LEGA IL FEDERALISMO E LO SFASCIO ITALIA

Bossi e la sua Lega, dopo aver sputato e strappato la Bandiera italiana, aver rivendicato con forza e tracotanza l'autonomia e l'indipendenza della Padania, la costituzione del Parlamento padano, quindi la secessione dal resto d'Italia, una volta resisi conto dell'improponibilità di una simile scemenza, per l'opposizione decisa anche da parte dei propri alleati, in primis AN, preoccupata di fingere la difesa dell'unità della Patria, dopo aver rinnegato il Fascismo mussoliniano, hanno cambiato radicalmente strategia ed hanno cercato (evidentemente con l'alta consulenza di qualche stratega nordista) una via più lunga e più aggirante, ma per arrivare alla fine a quel risultato.

Hanno quindi tirato in ballo l'idea del Federalismo fiscale e stanno cercando di convincere qualche meridionalista, come il Presidente della Regione siciliana Lombardo (che evidentemente ha sbagliato indirizzo stradale) nonché la folta schiera di politici e politicanti di destra, di centro, di cosiddetta sinistra, conservatori e liberal riformisti, che il Federalismo fa bene anche al Sud.

In che modo non è dato sapere né ora né, credo, mai!

In ogni caso se Bossi e la Lega tirano fuori i dati, sarà bene esaminarli. A condizione che non sia il Ministro Calderoli, poiché questi verrebbe smentito la sera o la mattina successiva dal Premier pronto ad accusare di menzogna gli avversari piuttosto che colui che le stupidaggini prima le dice e poi le rinnega.

La storia del dilemma tra Nord e Sud è vecchia di qualche secolo ed essa ha rappresentato nell'ultimo secolo la più grande, incommensurabile, mostruosa mistificazione inventata da esperti, economisti, studiosi, governanti di tutti i tipi per convincere ed inculcare nella mente della gente, del Nord come del Sud, che le zone rientranti in questa area abbiano vissuto, e dissipato, un sacco di risorse, ricevute a titolo di assistenzialismo. Se volessi smentire io una così colossale menzogna, da sempre sostenuta ed amplificata dalla stampa dei vari regimi, non mi basterebbe un volume alto quanto una enciclopedia.

Ma per fortuna, e loro sfortuna, esiste agli atti del PARLAMENTO ITALIANO, una indagine di una Commissione parlamentare del Senato, condotta e coordinata dal compianto Beniamino Andreatta nel 1992, che avrebbe dovuto porre fine per sempre alla diatriba Nord-Sud ed affermare una volta per tutte la verità, ma l'indagine, documento di grande valenza storica, non è stata divulgata dalla stampa di regime. Dopo aver rilevato che quanto lo Stato trasferisce in favore del Sud con gli interventi straordinari, glielo toglie, maggiorato, attraverso l'intervento ordinario, così conclude : " Solo raddoppiando l'intervento straordinario si porterebbe la spesa statale pro-capite nelle regioni meridionali a livello comparabile con quello delle regioni settentrionali".

Il giochetto, molto sporco, è quanto mai semplice e questo lo può capire chiunque, senza bisogno di essere né un economista né un esperto. Se al Nord vengono stanziati migliaia di miliardi per costruire metropolitane, passanti, raddoppi di autostrade o di altre strade a larga percorrenza, strutture per Olimpiadi, Campionati mondiali, alta velocità ferroviaria, EXPO, tutto passa come normale ordinario intervento statale, necessario per modernizzare il Paese, ma che comporta spese per migliaia di miliardi. Se al Sud viene costruita una rete fognaria o un acquedotto, questi rappresentano "intervento straordinario" . Faccio un semplicissimo esempio per far capire di che si tratta. L'acqua che si beve nella mia cittadina e in quelle limitrofe è frutto di un acquedotto costruito con i fondi della soppressa Cassa per il Mezzogiorno, ottenuto, o meglio strappato, al Presidente del Consiglio dell'epoca, sen.Amintore Fanfani, bloccato da una manifestazione popolare alla Stazione ferroviaria di Paola (CS), dopo una epidemia di tifo con 63 casi accertati. Ecco, il nostro assistenzialismo è tutto qui : se beviamo acqua potabile che sgorga dai rubinetti è perché qualcuno ce ne ha fatto dono, non certo perché siamo cittadini italiani. E tutto questo nonostante il Sud abbia avuto al Governo quasi sempre ministri in posti chiave. Il Ministro del Tesoro Colombo pubblicò qualche decennio fa un articolo con molto risalto sul paginone dell'Espresso, che diceva piu' o meno così: L'Italia viaggia come un treno composto da una locomotiva che va a tutta velocità (il Nord e il Nord-Est) che trascina dei vagoni frenati (il Sud); questa situazione non può durare ulteriormente, pena la crisi dell'economia dell'intero Paese. Ora, ci siamo. La facile previsione di Colombo si è puntualmente verificata.

La forbice del divario Nord-Sud si è sempre allargata, senza che vi sia stata un'eccezione almeno per un solo anno.

I nordisti della Lega, evidentemente, si sono resi conto che così non può andare. E quindi hanno pensato che anziché
rimuovere il freno che blocca il Sud, sarà meglio staccare i vagoni.

Se il ritardo del Sud non è stato mai recuperato, al contrario si è sempre piu' allargato, con Governi centralisti che hanno gestito tutte le risorse nazionali e che hanno sempre disatteso tutte le roboanti promesse fatte in occasione di ogni insediamento di un nuovo Governo, come si fa ora a sostenere, se non per gli sciocchi e i "merli" del dialogo, che il Federalismo farà bene anche al Sud??

La cosa non può risultare credibile neanche se Calderoli si immola e si brucia vivo!

E allora il vero obiettivo non può che essere quello di aggirare gli ostacoli incontrati in occasione dei proclami di autonomia e indipendenza del Parlamento padano, finire di sfasciare con il varo del federalismo fiscale quel che resta della fragilissima economia meridionale e dell'unità del Paese per procedere poi ad un grande, storico, ritorno all'indietro (altro che quello della Scuola), con la creazione della Padania (che dovrebbe inglobare anche il Lombardo-Veneto, non si sa se anche i piemontesi), dei Granducati, del Regno delle due Sicilie, aspettando un nuovo Cavour e un nuovo Garibaldi, che possano procedere alla riunificazione.

Voglio augurarmi che almeno questo i fautori del dialogo lo capiscano e che si crei un largo fronte di lotta per respingere gli attacchi leghisti e il ben visibile clima di strisciante "fascismo democratico" in salsa Berlusconi, mentre di tanto in tanto qualche neo aspirante "gerarca" lancia il sasso nello stagno per saggiare le reazioni ed anche, perché no, spostare l'attenzione dal nuovo al vecchio decrepito e seppellito regime e la sua Repubblica di Salò.

In un confronto a distanza con il Prof. Marco Vitali, svoltosi nel 1992 attraverso le colonne del settimanale "Mondo Economico", sul rapporto Nord-Sud, così concludevo il mio intervento:

In conclusione, vorrei fare una sola domanda a quanti esprimono giudizi sommari e semplicistici contro il <Sud assistito> : come pensano di risolvere i problemi del Nord (non piu' quindi quelli del Sud) allorquando quelle altissime percentuali di persone interpellate dal Cirm metteranno in atto quello che oggi è solo un desiderio e un proposito, e si porteranno dietro naturalmente anche la mafia la camorra e la 'ndrangheta che qui non saprebbero piu' cosa fare?. I problemi che si possono creare da una nuova migrazione al Nord sarebbero ben diversi e di spessore ben piu' consistente di quelli creatisi all'epoca di 'Rocco e i suoi fratelli'".

Sono stato facile ma, purtroppo, buon profeta.

La situazione è precipitata e domanda e la considerazione finale restano le stesse.
La risposta può essere rappresentata dalla discesa in campo dei 300 mila fucili di Bossi o questo potrebbe far arrabbiare di brutto le organizzazioni mafiose del Sud, in buona parte trapiantate ormai al Nord? Ai posteri...

25-10-2008 Francesco Calvano

Iscriviti alla Mailing List


annunci pubblicitari





Edicola.org