Un Mondo Possibile

Un Mondo Possibile

Politica, Economia, Cultura e Democrazia Economica
Movimento per la Democrazia Economica
ultime ricerche
neoumanesimo
un mondo possibile
capitalismo e comu...
... altre ricerche ...
Home > Economia > INCREMENTO DEL PIL O DELLA CAPACITÀ D'ACQUISTO?
RSS Atom stampa
Home
Eventi
Treviso
Massima Utilizzazione
Ecologia
Politica
Economia
Cucina non violenta
Cultura
Editoriali
Libri
Lettere
Approfondimenti
Gas MDE
Cambiamenti climatici
Mailing list
Link
Download
Contatti
Indice per titolo
Indice per data
Indice per autore

Eventi
<< Maggio 2017 >>
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031 
INCREMENTO DEL PIL O DELLA CAPACITÀ D'ACQUISTO?
Il PIL Secondo Sarkar

Domanda: E' più desiderabile un incremento del reddito pro-capite o della capacità di acquisto?

Risposta: La teoria socio-economica PROUT (Teoria della Utilizzazione PROgressiva) suggerisce che l'incremento del reddito pro-capite non è un indice sufficientemente attendibile e scientifico per determinare lo standard ed il progresso di una particolare unità socioeconomica. Questo approccio, anzi, è ingannevole e fallace poiché si riferisce ad un semplice calcolo matematico: il totale delle entrate nazionali divise per il totale della popolazione. Questo non dà la corretta figura dello standard di vita della popolazione, di una particolare zona socioeconomica, poiché si nascondono le disparità economiche. Il reddito pro-capite mostra la media e non le variazioni della distribuzione della ricchezza. Se si considera anche l'inflazione, l'attendibilità del reddito pro-capite si riduce ulteriormente.

Dall'altra invece la capacità di acquisto delle persone è l'indice della reale capacità di una persona di far fronte alle proprie minime necessità. Tutti i programmi e piani di sviluppo del PROUT devono essere formulati in funzione dell'aumento della capacità di acquisto della popolazione. Il PROUT sottolinea la necessità di aumentare la capacità di acquisto della gente. Il PROUT sottolinea l'aumento della capacità di acquisto e non del reddito pro-capite.

Il reddito pro-capite non è un adeguato indicatore dell'aumento dello standard di vita della popolazione poiché la gente potrà avere anche un reddito molto alto ma non necessariamente sufficiente ad acquistare le minime necessità per vivere. Dall'altra anche se il reddito pro-capite è basso ma la popolazione ha una capacità di acquisto elevata vive molto meglio. Perciò la capacità di acquisto e non il reddito pro-capite è il vero indicatore della prosperità economica. Le necessità di ognuno, devono essere soddisfatte all'interno del perimetro delle proprie capacità finanziarie o capacità di acquisto delle persone.

Fonte: Proutist Economics, Discorso di dicembre 1987 a Calcutta.

11-11-2004 P.R. Sarkar


Iscriviti alla Mailing List


annunci pubblicitari





Edicola.org