Un Mondo Possibile

Un Mondo Possibile

Politica, Economia, Cultura e Democrazia Economica
Movimento per la Democrazia Economica
ultime ricerche
democrazia economica
padre giuseppe koch
www prout it
... altre ricerche ...
Un Mondo Possibile
A Possible World RSS Atom Pdf
Home
Eventi
Treviso
Massima Utilizzazione
Ecologia
Politica
Economia
Cucina non violenta
Cultura
Editoriali
Libri
Lettere
Approfondimenti
Gas MDE
Cambiamenti climatici
Mailing list
Link
Download
Contatti
Indice per titolo
Indice per data
Indice per autore

Eventi
<< Maggio 2016 >>
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031 
I DELIRI DI UN SEGRETARIO POLITICO
I DELIRI DI UN SEGRETARIO POLITICO
Reputo insensato e ingiustificato l'attacco del sig. Gianluca Maschera fatto tramite il quotidiano La Tribuna del 26.07.2012, ad una mia consapevole azione in qualità di semplice cittadino. L'accusa è di essermi esposto politicamente per aver sottoscritto un documento che chiedeva la primarie del centro sinistra a Treviso, nella veste di Presidente del Comitato per la riduzione dell'impatto ambientale dell'aeroporto di Treviso. L'articolo incriminato è questo.
Titolo: L'IdV a Faraoni: non firmi appelli politici.
"Il portavoce del Comitato aeroporto eviti di fare politica per il bene del gruppo che rappresenta". Messaggio per Dante Nicola Faraoni, inviato dal segretario provinciale e capogruppo dell'idv a S. Artemio, Gianluca Maschera. "Abbiamo visto nell'appello alle primarie aperte al centro sinistra la firma di Faraoni, portavoce del Comitato: non � una bella notizia" dice Maschera "la sua firma va ad avvallare le teorie sponsorizzate dalla Lega in primis, che additano il Comitato come "feudo de Comunisti e ambientalisti contro il progresso". Cos� si rischia di indebolire il Comitato e le sue giuste battaglie. Nessuno approfitti di ruoli di visibilit� su giuste battaglie sociali, per puri e semplici interessi personali".(l.c.)
26-07-2012 dante nicola faraoni
Globalizzazione, protezionismo, lotta di classe, cooperative
Globalizzazione, protezionismo, lotta di classe internazionale, democrazia economica e cooperative rappresentano quattro forme diverse di confrontarsi con le strategie economiche attuali. Le prime due derivano da visioni capitalistiche di manipolazione dei sistemi economici per cui nei periodi di espansione economica si preferisce la strada della massima diffusione delle risorse e dei prodotti finiti da un angolo all'altro del pianeta, mentre nei periodi di recessione economica i governi nazionali innalzano barriere protezionistiche per difendere la propria area di domanda e spesa economica nazionale.
16-03-2012 Massimo Capriuolo
Sono i migliori tra noi
Non ci sono scuse. O ti unisci alla rivolta in corso a Wall Street e nei distretti finanziari di altre città in tutto il paese o stai dalla parte sbagliata della storia. Od ostacoli nell'unica forma che ci rimane, la disobbedienza civile, il saccheggio da parte della classe criminale di Wall Street e la distruzione accelerata l'ecosistema che sostiene la specie umana, o diventi l'agente passivo di crescita di un male mostruoso. O gusti, tocchi o annusi l'ebbrezza di libertà e di rivolta o sprofondi nel miasma della disperazione e dell'apatia. O sei un ribelle o sei uno schiavo.
04-10-2011 Tarcisio Bonotto
Due Buone Azioni per l'Italia
Si sa le manovre economico-finanziarie aggiustano il tiro nel breve periodo, però il vero problema è la struttura non autosufficiente dell'economia italiana.
Si parla di crescita, ma 'crescita' è un termine generico, crescita di che cosa e per che cosa.
E' come il PIL non ci dice quanto stanno bene gli italiani. Meglio parlare di 'Potere di acquisto'.
Il reddito pro-capite in Italia è diminuito del 10% in germania è cresciuto del 6%, non ci sono dati sul potere di acquisto che potrebbe essere ancora più basso del -10%....
15-08-2011 Tarcisio Bonotto
Compro Debito
Non si sente che parlare di debito in europa e nel mondo.
"Si acquistano i debiti sovrani dei paesi in difficoltà perche sono più sicuri". Certo, ma sempre debiti sono e se il paese va in dafault?
14-08-2011 Tarcisio Bonotto
Politica e popolazione: si respira aria nuova
Politica e popolazione: si respira aria nuova
MTV.it 
Nel mezzo della più profonda crisi istituzionale, sociale, economico-culturale nascono le idee e le antitesi più impensate che riportano sul giusto binario la società.
Rinasce il dinamismo socaile che sembrava perso per sempre.
11-05-2011 Tarcisio Bonotto
Rivoluzione e Libertà nel mondo arabo
La rivolta popolare in molti paesi arabi, assomiglia sempre di più ad un secondo muro di Berlino.
Anche qui l'anelito alla libertà ha fatto deflagrare i movimenti di piazza e sembra non tanto il sistema democratico l'aspirazione principale, ma la libertà dalla povertà, dall'oppressione: "vogliamo vivere come esseri umani ed essere liberi"...
27-03-2011 Tarcisio Bonotto
DOMENICA SENZ'AUTO: QUANDO LA VERGOGNA RASENTA IL RIDICOLO
Lo avevamo detto sabato 30 gennaio: la chiusura al traffico era un bluff. Un'iniziativa di facciata per coprire i gravi problemi di inquinamento che la nostra città si porta avanti da anni senza che l'amministrazione PdL/Lega abbia idee nel cassetto per risolverli.
Alla beffa si è aggiunto anche il danno; la mancanza di un piano di informazione adeguato ha costretto migliaia di cittadini a telefonate di emergenza tanto da mandare il centralino del comando dei Vigili in Tilt. La mancanza di controlli ha permesso ai soliti furbetti di by-passare i divieti tanto che, ieri, il traffico sul PUT era quasi come in una normale domenica, mentre turisti in visita ai Musei sono rimasti bloccati per mancanza di sufficiente informazione.
Insomma  Zanini e Gobbo hanno rimediato un'altra figuraccia rovinando la festa anche a quei cittadini che volevano godersi  una domenica a Treviso senza smog e rumori!
01-02-2011 Un Mondo Possibile
IL BLUFF DEL BLOCCO DEL TRAFFICO
Un'altra Zaninata per coprire le precarie condizioni ambientali della nostra città.
E' vero, avere  un giorno di tregua dallo smog e dal caos del traffico è senz'altro un evento visto che per più di 2/3 dell'anno Treviso supera i limiti di inquinamento. Nei fatti queste iniziative sono ben poca cosa e dimostrano il totale fallimento delle politiche ambientali intraprese fino ad oggi dall'Amministrazione Lega /PdL di Treviso per contenere l'inquinamento.
Autoritarismo contro Cogestione: il Caso FIAT-VOLKSWAGEN
Autoritarismo contro Cogestione: il Caso FIAT-VOLKSWAGEN
Speriamo sia l'ultima volta che, per cambiare l'assetto produttivo delle aziende in Italia, si ricorra all'autoritarismo e al ricatto, come nel caso FIAT.
Sono state snoccilate delle statistiche sulla produttività degli stabilimenti FIAT dislocati in giro per il mondo, che certamente sono da verificare:
* In Polonia facendo bene i conti 1 operaio/a produce 100 automobili all'anno
* In Brasile 1 operaio/a produce 75 automobili all'anno
* In Italia 1 operario/a produce ben 29 automobili all'anno... che sia vero?
16-01-2011 Tarcisio Bonotto
SPERIAMO CHE FIAT SE NE VADA
Tra pochi giorni ci sarà il referendum alla Mirafiori sulla proposta Marchionne. Questo appuntamento elettorale è senz'altro molto più importante delle prossime elezioni politiche perché si andrà a tastare il polso a quella classe operaia, parte di quella classe media, che più di tutti hanno subito la globalizzazione e la sua conseguente crisi economica planetaria.
Il Sindaco Gobbo: tutta colpa della Crisi!
Il Sindaco Gobbo: tutta colpa della Crisi!
Per smentire Gobbo,basta andare a vedere in giro per l'Europa come la ricollocazione dei centri storici è stata realizzata. E' vero che si è pedonalizzato, ma hanno anche ripensato la viabilità potenziando il raggiungimento del centro con metro, tram, autobus. Inoltre, per i percorsi sotto ai 5 Km, hanno dato spazio alla bicicletta creando piste ciclabili sicure e bici park.  Hanno aumentato gli investimenti sulla cultura per potenziare l'industria del turismo e del tempo libero, obbiettivi che Gobbo ed i suoi neanche hanno preso in considerazione.
TREVISO: EMERGENZA CENTRO STORICO
Un vecchio modo di governare la città che ci allontana dall'Europa virtuosa e  ci preclude l'eccellenza in sostenibilità e qualità della vita.....
Quando noi diciamo che è una questione di nuova mentalità, nuovo approccio di gestione del territorio ci riferiamo a qualcosa che non centra niente con il "VECCHIO" modo di operare di Zanini, Gentilini e della Lega di Gobbo. I primi due, politicamente, chi erano prima di diventare alfieri del carroccio e PDL a Treviso? Democristiani!! Hanno cambiato il vestito ma ragionano ancora come la DC della "Balena Bianca"!! Ecco perché siamo rimasti indietro all'Europa che conta!! La DC era capillare nel territorio con la sua rete di favori e clientelismi che la mantenevano al governo finché non è arrivata tangentopoli. La LEGA di Gobbo sta adottando la stessa strategia di rete di interessi locali, favori solo a chi porta voti, poltrone sui posti che contano!! Una "Balena" un po' più piccola "localista" che è diventata di colore VERDE!
Aspetti dell'Integrazione culturale in Europa
La recente dichiarazione di Angela Merkel che il multiculturalismo in Germania è fallito, segue di circa un anno una simile dichiarazione dell'establishment inglese che dichiarava il fallimento dell'integrazione sociale e culturale degli immigrati.
01-11-2010 Tarcisio Bonotto
La crisi? C'è ma non si vede...
La Cassa Integrazione, è un passaggio temporaneo per riprendere il lavoro. Quindi nonostante la disoccupazione c'è speranza di ritornare al lavoro.
La trasmissione TV dal titolo "Senza Fabbriche", invece fa vedere lo stato di crisi, nelle interviste a diversi proprietari di aziende metalmeccaniche del bolognese, per i quali le produzioni sono state tagliate dal 30 al 50%, senza remissione.
Passerà la crisi? "No, le attuali produzioni rimarrano così e ci dovremmo adattare."
Ciò significa che i cassa integrati probabilmente potranno con difficoltà trovar lavoro. Sono infatti circa 300 le aziende nel bolognese che hanno chiesto la sospensione dal lavoro per i loro lavoratori...
C'è poco da fare, dovremmo riprogrammare l'intero assetto socio-economico italiano.
06-10-2010 Tarcisio Bonotto
«Privati nelle aziende pubbliche? Meglio di no»
L'assessore agli enti e alle aziende del Comune di Verona, Enrico Toffali, è dell'idea di assegnare ai privati quote di attività pubbliche.
Il consigliere regionale e comunale Valdegamberi teme invece che "con l'ingresso di privati, che giustamente lavorano nell'ottica del profitto, c'è il rischio che investimenti in zone più deboli, poco appetibili, non se ne facciano più. E questo alla fine penalizzerebbe i cittadini»
04-09-2010 Tarcisio Bonotto
Ha ragione, non ha ragione, ha ragione, non ha ragione...
Ha ragione, non ha ragione, ha ragione, non ha ragione la FIAT, nel non voler reintegrare i tre lavoratori perchè si è interrotto il rapporto di fiducia?
Sarkar sottolinea: vi sono tre principi sociali cardinali che non dovrebbero mai essere contravvenuti, senza creare conflittualità sociale.
23-08-2010 Tarcisio Bonotto
PRIMA L'ECONOMIA
PRIMA L'ECONOMIA
Crediamo che l'Economia "venga prima", o magari in contemporanea ai diritti sociali. Ma di economia si deve parlare per correre ai ripari. Pare però che l'argomento sia un po' ostico e sovviene alla memoria l'approccio di Zapatero, che concentrò la sua azione sui diritti sociali e non su quelli economici contribuendo a non dare soluzione ad una crisi di vaste proporzioni per il proprio paese.
16-08-2010 Tarcisio Bonotto
CRISI GLOBALE... e intanto le aziende continuano a chiudere
CRISI GLOBALE... e intanto le aziende continuano a chiudere
www.campionenews.com 
Continuare a praticare il "Teorema Tremonti": <<salviamo le banche e gli interessi di Confindustria che salviamo l'intero sistema>>, è una follia suicida! Mentre il 70% della popolazione soffre, direttamente o indirettamente della grave depressione economica, il governo premia chi l'ha creata o chi continua a specularci sopra.
Dalla Polonia, una lettera ai lavoratori FIAT
Dalla Polonia, una lettera ai lavoratori FIAT
La FIAT gioca molto sporco coi lavoratori. Quando trasferirono la produzione qui in Polonia ci dissero che se avessimo lavorato durissimo e superato tutti i limiti di produzione avremmo mantenuto il nostro posto di lavoro e ne avrebbero creati degli altri. E a Tychy lo abbiamo fatto.
... Loro pensano che la gente non lotterà per paura di perdere il lavoro. Ma noi siamo davvero arrabbiati. Il terzo "Giorno di Protesta" dei lavoratori di Tychy in programma per il 17 giugno non sarà educato come l'anno scorso. Che cosa abbiamo ormai da perdere?
19-06-2010 Tarcisio Bonotto
Iscriviti alla Mailing List


annunci pubblicitari





Edicola.org